politica, società

E l’ambasciatore fa le valige

BUENOS AIRES – L’ambasciatore cileno in Argentina ha lasciato ieri sera il suo incarico, dopo la bufera scatenata dalle sue dichiarazioni a sostegno di quello che lui chiama con garbo il “pronunciamiento militar” di Pinochet.
Nonostante avesse chiesto pubblicamente scusa a tutte le vittime della dittatura, il giorno successivo all’intervista rilasciata al quotidiano El Clarin, Miguel Otero non ha potuto sopportare le pressioni e l’imbarazzo del proprio governo e del Paese che lo ospita.
“La Cancelleria accetta e rispetta la decisione dell’Ambasciatore e gradisce il lavoro svolto nella missione diplomatica argentina”: è questo il comunicato rilasciato in serata dal Ministero degli Esteri cileno.
La leggerezza e il cinismo delle dichiarazioni sul golpe avevano lasciato tutti sbalorditi. La diplomazia di Santiago già era intervenuta immediatamente per circoscrivere le parole di Otero come “opinioni strettamente personali”, nel silenzio del presidente Piñera e lo stretto riserbo dell’omologa argentina, Cristina Fernandez de Kirchner.
I Ministri degli esteri dei due Paesi, nel frattempo, avevano approfittato della quarantesima assemblea dell’OEA, l’organizzazione degli stati americani, per un briefing sul caso Otero. In serata una mozione del deputato comunista cileno, Guillermo Teiller, era stata approvata dalla Commissione Esteri del Congresso, per chiedere al Presidente della Repubblica di rimuovere il diplomatico.
Se questo succedeva nelle cancellerie e nei palazzi, la polemica infuriava nel mondo politico, mentre le organizzazioni di difesa dei diritti umani rilasciavano dichiarazioni infuocate e arrabbiate. Se in Cile, Lorena Pizarro parlava indignata a nome della Agrupación de Familiares de Detenidos Desaparecidos, a Buenos Aires il prestigioso Centro de Estudios Legales y Sociales (Cels), che da sempre presta consulenza e supporto ai processi contro i crimini dei militari, si diceva allibito che il Cile potesse essere rappresentato da un simile personaggio.
Intanto si sa che Miguel Otero rientrerà subito a Santiago, dove si rinchiuderà in silenzio nel suo lussuoso appartamento di Las Condes.

Lettera22

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...