L’orchestra anti-mala

VENEZIA – Se Roberto Citran li ha scelti come un buon esempio di contrasto al bullismo, Dario Fo li ha chiamati a metà maggio a suonare a Palazzo Reale di Milano, per la sua mostra “Lazzi sberleffi dipinti”. E il 9 giugno chiuderanno (alle ore 21.00, presso i campi sportivi di Bojon) un mese di eventi che comune e associazioni di Campolongo Maggiore hanno dedicato alla legalità.
Stiamo parlando dei ragazzi dell’Orchestra giovanile “Diego Valeri”, che ormai sono diventati delle piccole celebrità. Sono settanta. Il più piccolo ha dodici anni e sta alla batteria. I più grandi ne hanno ventidue e sono cinque fiati. Tutti hanno a che fare con il polo scolastico di Bojon, intitolato a Kennedy. Tutto inizia una mattina del 1988, le porte sfondate e le poche attrezzature scomparse. E’ l’ennesimo furto. Si saprà solo dopo che questa è la prova di iniziazione che la banda di Felice Maniero chiede ai ragazzi per far parte del clan.
I primi a reagire sono soprattutto gli insegnanti che vengono da fuori. Organizzano una manifestazione tra le vie del paese, dove la violenza è la regola e l’illegalità un sistema silenzioso di potere. E cominciano a ragionare su un progetto. Si scommette sulla musica, come nei barrios venezuelani di José Antonio Abreu. Didattica della musica e orchestre giovanili come laboratori di educazione civica.
Giuseppe Laudani, detto Beppe, è l’insegnante di musica. E’ arrivato da Murano nel 1984. Da allora mette in cantiere mille progetti. Lo incontriamo il giorno dopo aver diretto la sua “Diego Valeri” ad Adria. Ha fatto suonare i 70 ragazzi, stile brass ensamble, con Nilo Caracristi, star internazionale del corno.
«E’ stata una reazione alla paura e alla violenza», ci dice. A Campolongo si è cominciato a suonare per non essere complici. «Oggi, l’orchestra è un’associazione che riunisce anche genitori ed insegnanti. Sono loro che tengono aperta la scuola fino a sera».
«Il progetto coinvolge tutto l’istituto, cioè più di mille persone – racconta il prof  – Le orchestre in realtà sono tre: quella dei più piccoli, dai 6 ai 10 anni, quella delle medie e quella più famosa, dei più grandi. Per quest’ultima abbiamo una convenzione con il conservatorio di Adria, che riconosce i corsi pre-accademici realizzati qui».
Solo un anno ha avuto un finanziamento, quando tra il 1999 e il 2000, l’allora ministro Berlinguer ha premiato 200 laboratori musicali con 40 milioni di euro ciascuno. La “Diego Valeri” era tra questi. Oggi, tra Comune e Regione su specifici progetti l’orchestra riesce ad attivare qualche fondo. Dal 1994 al laboratorio musicale Laudani accompagna anche uno di video. E ogni anno realizza con i ragazzi clip su legalità e convivenza, contro le mafie e il razzismo.
Mike Applebaum, uno dei più importanti jazzisti, che lavora con Ennio Morricone, è appena andato a trovare i ragazzini-musicisti di Campolongo Maggiore. Ha girato le riprese per “The Snatch”, la trasmissione musicale di Rai 5.  Si approda in tivù. L’appuntamento è per ottobre.

Corriere del Veneto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...