“Stanchi di corruzione e violenza urbana”

ottobre 9, 2012

CARACAS – «Unire il Venezuela, pensarlo come un unico paese è la prima sfida che il presidente Chavez avrà in agenda. Lui stesso, per la prima volta, lo ha ammesso ad urne chiuse». Alejandro Oropeza è docente di Scienze Politiche nelle università Simon Bolivar e alla Cattolica. Dirige l’Osservatorio Hanna Arendt, impegnato dal 2006 nel campo della libertà di espressione e dei conflitti sociali. E’ anche molto critico con il chavismo e riconosce nelle prime parole di Chavez una novità. Cosa lo ha convinto, secondo lei?
«E’ la presa di coscienza che il paese è diviso in due, con visioni diverse e legittime. E che lo scontro non si può soffiare così a lungo, pena lo sfaldamento sociale. C’è in ballo una questione di futuro immediato, che bisogna affrontare. Credo che anche il Presidente si sia reso conto delle aspettative profonde e diffuse nel corpo del paese, che mettono a dura prova le sue politiche, di convivenza sociale ma anche economiche».
Quali contraddizioni dovrà affrontare il presidente a livello economico?
«Beh, la prima è che Chavez dichiara di voler costruire il socialismo, ma lo deve fare con le regole del capitalismo, a cominciare dal mercato internazionale del petrolio. L’intero pacchetto di politiche pubbliche, tutto il sistema statale che ha messo in moto, compresi i programmi sociali, dipendono da un unico fattore: l’andamento del prezzo del petrolio nel mercato globale. Ci si dovrà chiedere: è sopportabile questo modello economico? Potrà liberarsi questo paese dal ricatto del petrolio e pensare ad un’economia alternativa? Per questo, mi sembra evidente lo slittamento tra discorso pubblico, realtà quotidiana e necessità delle persone».
E’ dunque questo scollamento che metterà a prova Chavez?
«Sì. Tutto il suo discorso si è sorretto sull’idea di futuro, di paura, di speranza. Poi però dovrà, e presto, rispondere a tutte le vittime della violenza e dell’insicurezza urbana, che per il 70% sono di ceti poveri e popolari. Dovrà affrontare la corruzione che divora fiducia ed economia. La società venezuelana dovrà dotarsi di strumenti ed anticorpi per reclamare trasparenza, misurare l’efficienza e l’onesta degli interventi pubblici, per avere controlli indipendenti, per dotarci di contrappesi istituzionali e sociali al sistema di potere discrezionale dello stato. Abbiamo il compito di costruire di una nuova cultura politica».

Annunci

2 Risposte to ““Stanchi di corruzione e violenza urbana””

  1. Johnk19 Says:

    Hey very nice web site!! Man.. Beautiful.. Wonderful.. I’ll bookmark your web site and take the feeds alsoKI am satisfied to seek out a lot of helpful information here in the publish, we want work out extra techniques in this regard, thank you for sharing bedggdfdddeb

  2. Johne164 Says:

    Hello, I desire to subscribe for this blog to obtain most recent updates, thus where can i do it please help. cddbbcaefbcg


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: