Le nuove gallerie: “Il più grande museo italiano”

dicembre 18, 2013

«E’ forse il più grande museo italiano»: esordisce così il ministro della cultura Massimo Bray, nella sala dell’abside di quella che un tempo era la chiesa di Santa Maria della Carità e oggi è diventato il cuore delle nuove Gallerie dell’Accademia.
L’inaugurazione di ieri ha attirato una folla da grandi occasioni, con sindaco, autorità e tutti i protagonisti della scena culturale e accademica veneziana. Ognuno accolto da Renata Codello e Tobia Scarpa, che firmano l’intero progetto di restauro e recupero di questi spazi imponenti, aperti al pubblico da oggi fino a febbraio.
Il ministro si è detto «orgoglioso della capacità di professionisti e funzionari dello Stato» nel recuperare le nuove Gallerie. Ora la sfida sarà tenerle aperte. Bray ha ribadito «l’impegno dello Stato, un dovere che abbiamo verso i cittadini». E i privati? «benvengano tutti quelli che ci stanno e condividono i nostri obiettivi».
Il punto è, ha sottolineato il ministro, che «solo Venezia ha vissuto negli ultimi anni un tale investimento in infrastrutture culturali», ricordando l’apertura dell’Arsenale per la Biennale dal 1999 e poi via via gli interventi da San Giorgio a Punta della Dogana, i Magazzini del Sale e Ca’ Corner della Regina. Fino all’Accademia, appunto, lungo il famoso miglio d’arte.
Ci tiene a questa città, insiste il Ministro. Così non si sottrae rispetto all’altro cantiere, quello al Lido per trasformare il buco del cinema in qualche meraviglia che ancora si aspetta: «l’impegno rimane, c’è una bozza di cui abbiamo parlato con il Sindaco ma, aspetto un progetto vero e proprio». Anche su un altro punto dolente veneto, quello della possibile copertura dell’Arena cara al primo cittadino Tosi, il ministro aspetta un progetto, «ma credo sia una questione molto complessa che dobbiamo valutare con estrema cura».
Ma qui, negli spazi dell’Accademia, quello che serpeggiava tra gli ospiti, illustri e comuni, era la questione di che farsene. Cosa diventeranno? Come si potranno utilizzare? Bray su questo ha invitato a creare «progetti con comunità scientifiche ed accademiche, ad usare l’università e i suoi dipartimenti di lingue orientali, tra i più prestigiosi in Italia, per far conoscere il patrimonio delle Gallerie ai paesi asiatici», nuovo baricentro del mondo.
«Mescolate capolavori e architettura antiche con l’arte contemporanea», è invece il consiglio di Agnes Husslein-Arco, direttrice del Belvedere di Vienna. Lo storico dell’architettura Francesco Dal Co chiede di tirar fuori «dalle stanze al piano di sopra la serie enorme e mai catalogata delle opere di Carlo Scarpa», chiedendo al Ministro di «affidarne il compito all’unico che può occuparsene, il figlio Tobia». Il suggerimento di David Freedberg della Columbia University è di realizzare «tante mostre piccole e poche di grandi: lavorando sui depositi di opere, si potrà guardare l’intera collezione con altri occhi».
«Ammirato» di questi spazi si è detto pure Goncalo Byrne, uno dei più grandi architetti portoghesi: «la sfida sarà far funzionare questo complesso di spazi frammentati in modo unitario». Perché di problemi ce ne saranno, ha rilanciato Massimo Cacciari, il sindaco che vent’anni fa ha scommesso sul ridisegno della città. Quali? «Quelli soliti italiani: sovrapposizioni di competenze, frizioni fra soprintendenze, far convivere il museo e la fruizione libera di caffetteria, bookshop, chiostro. Tutti devono avere elasticità – ha ammonito il filosofo-doge, in una sala d’improvviso silenziosa – perché questa è un’occasione imperdibile per la città».
Ma quando sarà possibile alla pinacoteca dispiegarsi nei nuovi spazi? «In vista dell’Expo 2015», ipotizza Giovanna Damiani, la Sovrintendente del Polo Museale che ha ora le chiavi dell’intero isolato di Gallerie: «Tutto dipende dalle risorse, per le quali ci aspettiamo l’impegno dello Stato». Ed è proprio lei, quando ancora si trascinavano gli applausi, la prima ad avvicinarsi al Ministro: «Ora può immaginare la sfida che avremo per poter gestire questo luogo».

Corriere del Veneto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: