Popkov, socialista quasi reale

Il cosiddetto “realismo socialista” era tutt’altro che scontato e niente affatto impermeabile. Ce lo racconta “Sogno realtà”, la mostra all’Università Ca’ Foscari di Venezia, dedicata a Viktor Popkov. Sono 45 tele (oltre a 60 foto di Igor Palmin), la più grande retrospettiva in Europa, arrivata grazie al Centro Studi sulle arti della Russia dell’ateneo veneziano diretto da Silvia Burini e al magnate-collezionista Andrej Filatov.
Popkov, scomparso all’apice della sua carriera nel 1974, si era fatto conoscere a Venezia nel 1962 alla Biennale d’arte. Tanta era la rigidità di canoni e temi che le autorità imponevano, tanto gli artisti sperimentavano come svicolarsi.
Un esempio è il più famoso dei quadri di Popkov, “I costruttori di Bratsk”, dipinto tra il 1960 e il 1961. Cinque operai immortalati in quei corpi fissi che tanto inorgoglivano le autorità. Eppure i dettagli sono rivelatori, come i tatuaggi sulle mani, segno che erano passati nel gulag o la sigaretta accesa tra le dita di un operaio seduto su una bombola di gas, anti-eroe temerario.
In Popkov non c’è mai una rottura, ma sotto pelle affiorano già tutti i temi della delusione. Il suo sguardo sembra smarrito e lucido, capace di spostarsi fuori fuoco rispetto all’ortodossia: si fa onirico in un pieno di blu come nel “Sogno” (1965) oppure grida disperato come la vacca espressionista “Presso il mar Baltico”. Freddo come il volto dell’ “Agente della Ceka” (1963) o triste come le “Vedove” nei loro vestiti rossi (1966). Oppure si affida ai funerali come narrazione: in “Non li invidia” i vivi che piangono sono ritratti da dentro la fossa ancora aperta. «Parlava delle persone semplici, era il nostro Dostoevskij», spiega la storica dell’arte Natalia Aleksandrova.

Corriere del Veneto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...