culture, società

Fiore, la scultrice afferra il suo doppio

Alla sua Trieste, preferisce quasi subito l’esodo Fiore de Henriquez. Forse per questo la città dov’è nata nel 1921 la lascia a lungo nell’oblio. A undici anni dalla sua morte, ora Trieste finalmente omaggia una delle più famose scultrici internazionali. Il merito va allo Spazio DoubleRoom, con una mostra che mette a fuoco non tanto la produzione scultorea di Fiore de Henriquez, quanto il peso della sua identità queer nello sguardo sul mondo e nel suo processo creativo. Continua a leggere

Annunci
Standard
culture, società

Artway of thinking, l’arte delle relazioni

Immerse nel parco di Forte Rossarol di Mestre, le antiche polveriere da anni sono usate dalla Cooperativa Co.Ges come centro di recupero per chi soffre di dipendenze, che siano sostanze o gioco. Hanno finito di ristrutturarle qualche mese fa, mancano alcuni dettagli, di segnaletica e di logistica, ma l’aspetto da villaggio dove rifugiarsi ha qualcosa di nordico.
Questa parte del Forte è chiamato Centro Soranzo ed è molto conosciuto. Pochi sanno invece che per curare l’intero restyling e la riorganizzazione del Centro la Co.Ges si è affidata a due artiste veneziane. Continua a leggere

Standard
politica, società

Venezuela, il socialismo dell’amarezza

In Sabana Grande, il centro città pedonale rimesso a lucido, Ana allarga le braccia: «E’ la quarta farmacia senza anticoncezionali». Kevin ha un chiosco di arepas: «Un giorno non c’è l’olio. Un altro non arriva la farina». Edison gestisce da sei anni una sandwicheria: «Prima di Chavez nessuno pagava le tasse. Sono orgoglioso di farlo. Allora controllavano i registri, ora ti chiedono solo il pizzo». Celia lavora in un museo: «Non c’è nemmeno una compagnia aerea disposta a farci un biglietto per andarcene». Continua a leggere

Standard