culture, società

Gli ebrei, il recinto, Venezia

Uno storico raffinato come Simon Levis Sullam prende a prestito l’immagine di Vienna del 1900 per definire Venezia «un’esperienza ebraica». Racconta quanto l’ebraicità si fosse sedimentata e avesse plasmato l’intera città (almeno) per tutta la prima metà del XX secolo, esprimendo figure importanti delle classe dirigenti, degli intellettuali, delle professioni e irrorando il disegno urbano e il suo corpo sociale. Venezia è (stata) davvero un’esperienza ebraica. Continua a leggere

Annunci
Standard