Panama. Il paradiso (perduto) degli Zonians

Il Canale? Un paradosso. Quella cerniera gringa e aliena, la Zona, «è sempre stato il riflesso del nostro essere panameños», racconta Walo Araújo che là è andato a viverci come molti, una volta che gli americani hanno fatto le valigie. Walo Araújo ha trovato casa prima nel Cerro Ancón e poi dal 2009 nell’antico Forte Clayton dove oggi c’è la Ciudad Saber, un enorme incubatore di innovazione di cui lui cura il programma culturale.
Come uno specchio deformante, il Canale ha sempre rivelato ai panamensi tutto ciò che non erano. Là ci abitavano i gringos. Ne usciva un rivolo di rancore e di desiderio, il bruciore di una ferita e l’ansia da ammirazione. Il Canale ha sempre segnato una frontiera interna da non oltrepassare e un tabù da non violare. Continua a leggere “Panama. Il paradiso (perduto) degli Zonians”

Annunci