Welfare fai da noi. Sara Cavallaro, Caterina Furnari, Franca Bimbi.

1/ Il gruppo di doule attive a Venezia e a Mestre. Le mamme di mamme

E’ l’ultimo nato tra il gruppo delle doule in giro per l’Italia. “La doula volante”, si chiama. Ha una sede accogliente alla Gazzera, quartiere residenziale alla periferia di Mestre, un’atmosfera da melting pot, aromi mediorientali, una bambolina boliviana di una donna incinta, thé alla menta.
Sara Cavallaro, 41 anni, è una psicologa rigorosa ed allergica alle ortodossie, che scommette sulle relazioni umani più che sulle tecniche ed i manuali. Ha una lunga esperienza di lavoro nel Centro Antiviolenza veneziano, nei progetti contro le discriminazioni e gli stereotipi di genere nelle scuole.
Ci accoglie soddisfatta, «ho appena presentato il progetto “Mammalatte”, mi piacerebbe vedere in diversi luoghi della città angoli attrezzati per far allattare le mamme. Vorrei cominciare dai musei, a Venezia non può essere che così. Vorrei far invadere gli spazi pubblici dalle madri». Continua a leggere “Welfare fai da noi. Sara Cavallaro, Caterina Furnari, Franca Bimbi.”

Annunci

Microwelfare. Viaggio nell’Italia che si sta inventando un nuovo stato sociale.

Nely Tang ha assunto di recente nuove educatrici, alcune anche italiane, per il suo “Munting Tahanan”, la Piccola Casa. All’inizio aveva pensato di aprire un nido solo per le madri filippine che non sapevano dove lasciare i bimbi prima di correre al lavoro. L’alternativa era mandarli in patria nei primi tre anni di vita. La signora Tang allora ha pensato di ricorrere ad un micro-prestito per far partire la sua mini-cooperativa. E’ stata la Fondazione Risorsa Donna di Roma ad approvare il progetto: oggi la Piccola Casa accoglie anche bimbi fino a sei anni e pure di altre nazionalità.
La signora Tang ha dato così il suo contributo a quel molecolare sistema di welfare che si presenta come micro, sociale ed innovativo e che sta reggendo ai tagli e ai cedimenti strutturali accelerati dalla crisi. Un welfare di prossimità, fatto di relazioni di vicinato e di genere, di famiglie allargate, di mediazioni, di ascolto, insomma di una densa e fertile informalità. Continua a leggere “Microwelfare. Viaggio nell’Italia che si sta inventando un nuovo stato sociale.”